Da “Black mirror” ai dispositivi specchio. Comunicazione, censura e controllo ai tempi dei social network. – Editoriale Laspro 23

laspro2006

illustrazione di Valeria Carrieri

Editoriale – di Giusi Palomba

Le forme della comunicazione, della censura, del controllo ai tempi dei social network, la manipolazione delle informazioni, la possibilità di pilotarle, di influenzare le masse mantenendo intatta l’idea della democraticità della rete: vorrei segnalare due sintesi secondo me fondamentali per orientarsi su questi temi.

Una è un articolo uscito sul n. 347 della rivista Aut Aut: “Web 2.0. Un nuovo racconto e i suoi dispositivi”, di Maria Maddalena Mapelli, l’altra è una puntata qualsiasi della serie Black Mirror. Oggi in molti conoscono la serie inglese per la terza puntata della seconda stagione, in cui un pupazzetto virtuale, dissacrante con tutti i politici, diventa il principale candidato al governo di un paese e dunque per le analogie con la grillomania tutta italiana. Ma l’idea di Black Mirror è più ampia. Charlie Brooker, critico, comico, autore e firma del Guardian, un giorno si è detto: proviamo a immaginare il futuro prossimo senza andare troppo lontano, senza nessun particolare espediente fantascientifico, soltanto esasperando elementi di realtà già presenti nelle nostre vite. Allora, quale migliore esempio della pervasività tecnologica se non la presenza continua degli schermi, siano essi computer, smartphone, tablet, etc?
La sfida è aperta a diversi registi che così provano a cimentarsi nel disegnare gli scenari possibili.

Chissà se Charlie Brooker ha pensato ai “dispositivi specchio” di cui parla Mapelli nel suo articolo, quando ha inventato il titolo della sua serie. Cos’è in fondo lo schermo a cui affidiamo ore e ore della nostra giornata se non uno “specchio nero”, in cui ci riflettiamo senza ottenere altro in cambio che una rappresentazione fallace di noi stessi? “Dispositivo specchio”, ci dice Mapelli, è ciò che genera immagini virtuali senza creare oggetti esistenti, senza creare esperienza. Un dispositivo specchio come un social network, ad esempio, ci fa fare esperienza di un mondo inesistente. Si potrebbe obiettare: dunque qualsiasi riproduzione della realtà è una non-esperienza? Non se accade secondo una interpretazione personale. Ad esempio la fotografia, la pittura, il video e persino la scrittura, sono tentativi per cercare di sottrarre alla realtà delle immagini che altrimenti svanirebbero fugacemente, per dialogare con la propria e l’altrui identità, per lavorare su temi cari a seconda della personale o collettiva sensibilità, etc, tutto questo secondo modi e tempi che rispondono a un processo creativo non vincolato e tendenzialmente in una situazione di infinite possibilità espressive.

Se pensiamo a un social network come facebook, capiamo che si tratta di qualcosa con una forte tensione omologante, che promuove e restituisce una visione monolitica dell’identità, definita secondo canali obbligati. Le forme più attive di forzatura di questa imposizione, infatti, sono state sempre punite con la censura, la chiusura o sospensione del profilo.

Se qualcuno avesse ancora qualche dubbio, social network e la rete in generale sono molto lontani dall’essere in sé garanzia di democrazia, trasparenza e orizzontalità. Inoltre un utilizzo inconsapevole ci istiga all’impazienza, al consumo frantumato e nel frattempo ci incoraggia a mandare in onda di noi una versione editata e photoshoppata. Ci istiga a investire in modo esagerato sulle interazioni virtuali, fomentando forme insostenibili di relazione e di collettività poiché inapplicabili alla realtà (e infatti per lo più inesistenti nella realtà).

I danni inflitti da tutta questa tendenza a spezzettare, atomizzare i nostri interventi sono ancora imprevedibili. Simon Reynolds (autore di “Retromania”) parla di Youtube, ma potrebbe riferirsi a molto altro, quando dice:

YouTube produce una frammentazione delle narrazioni lunghe (il programma, il film, l’album) ma questa funzione incoraggia gli spettatori a frantumare gli estratti in unità di dimensioni ancora minori, erodendo la nostra abilità di concentrarci e la nostra disponibilità a lasciare che una narrazione si sviluppi secondo il ritmo stabilito a monte dal suo creatore […] Al pari di internet, [YouTube] finisce per ridefinire la nostra temporalità, rendendola sempre più compressa e fragile: ingozzandoci di bytes di informazione, svolazziamo da una pagina all’altra in cerca di snack zuccherosi.

L’overflow di informazioni e interazioni, sfruttando altri canali, può diventare addirittura strumento di controllo e censura. Una visione chiaramente estremizzata, ma probabilmente necessaria nel quadro di tecnoentusiasmo spinto in cui siamo costantemente immersi.

Passando dal singolo alla collettività, è ormai frequente sentir parlare di “popolo della rete”, un’espressione amatissima anche dal giornalismo “web fashioned”, come se potesse esistere un popolo dei tram, un popolo degli autobus. Il popolo della rete, è semplicemente un insieme di persone che nello stesso momento usano lo stesso mezzo, addirittura virtuale. La Rete non è una comunità fondata su valori comuni, né su vissuti condivisi. La Rete può al massimo fungere da collante se agisce di supporto a qualcosa di già esistente, ma l’esperienza della realtà rimane insostituibile nella formazione del sé, di una coscienza relazionale, sociale e politica.

Le nostre capacità di concentrazione, relazione e critica sono diventati beni preziosi e ambiti, di questi tempi. Meglio tenerle allenate, allora, per «inventare e sperimentare», come dice Mapelli, «nuovi e personali itinerari di resistenza, nuovi modi di contrastare l’egemonia dei dispositivi».

***

Car* lasprian*! Finalmente in uscita il numero 23 della rivista! In questo numero troverete: Catholic punk Alessandro Bernardini – Finire come Winston Smith Luca Palumbo – I pasticcini da leccare Sabrina Ramacci – L’insostenibile leggerezza dell’etere, intervista ad A.Va.Na di Giusi Palomba – La vita come narrazione (pop) intervista a Emanuele Boccianti di Luca Persiani – L’evoluzione della censura in Italia dagli anni 50 ad oggi Alessio Spataro.

In più le recensioni di Tiratura Limitata, una trattazione del Landgrabbing di Giulia FranchiSpazi a Margine di Sabrina Ramacci e la rubrica Pop Corner del Duka che ci parlerà del Bar La Darsena a Milano!

Questa sera alla Libreria Giufà di Roma la presentazione del numero e del nuovo e-comic di Alessio Spataro. Qui i prossimi appuntamenti e di seguito l’editoriale. Ci vediamo in giro!

Annunci

3 pensieri su “Da “Black mirror” ai dispositivi specchio. Comunicazione, censura e controllo ai tempi dei social network. – Editoriale Laspro 23

  1. I miei complimenti. Mi va di adornare il bell’articolo con una piccola nota a margine, che espande un concetto già presente: una cruciale caratteristica di quelle che tu chiami giustamente non-esperienze è la pretesa di obiettività e la rimozione del punto di vista.
    Il caso di wikipedia è esemplare. Le enciclopedie sono sempre state scritte da persone, quindi esprimevano comunque un punto di vista particolare su un certo argomento, per quanto autorevole. Non era neppure fondamentale che i lettori fossero pienamente consapevoli di tale soggettività. Ma prima dell’era wiki accedere a un’opera enciclopedica voleva dire compiere una serie di scelte e azioni, anche economicamente impegnative, ed era questo che restituiva la diversità delle prospettive.
    Una persona che avesse voluto imparare qualcosa sul jazz avrebbe attinto all’Enciclopedia Britannica del nonno, un’altra cercato nei fascicoli comprati in edicola dell’enciclopedia De Agostini della musica, un terzo avrebbe finalmente messo mano alla sua Treccani, che la moglie tempo addietro aveva convinto a comprare proponendola come un sicuro investimento. Queste persone, se si fossero trovate a parlare tra loro di jazz, avrebbero impiegato ben poco tempo per percepire, dialogando, la differenza di approccio di quelle diverse fonti. E magari avrebbero finito per discutere e/o per imparare gli uni dagli altri.
    Con wikipedia questa dinamica è cambiata radicalmente. Il gesto adesso è unico e spesso così rapido da sfiorare la meccanicità: «Guarda su wiki».
    Nell’era wiki, e ancor di più nell’era che ci aspetta a breve, quelle stesse tre persone che si incontrassero per parlare di jazz avrebbero ben poco di personale da portare sul tavolo della conversazione, perchè la loro conoscenza nozionistica sarebbe stata già omologata alla fonte. Con una amara aggiunta: la sensazione di trovarsi d’accordo generalmente in ogni punto della loro conversazione di musica faciliterebbe e incoraggerebbe la percezione di aver raggiunto l’oggettività in quell’argomento, perchè i loro punti di vista coincidono. Quindi “non c’è più” un punto di vista. Invece il punto di vista non si vede ma c’è. Il punto di vista c’è sempre. Però adesso è quello di wiki.

  2. Pingback: Fuori dal mondo | LASPRO

  3. Pingback: Keep calm and kick ass. Breve manuale di autodifesa digitale in chiave antisessista | LASPRO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...