Su Argentina, Chiesa e Bergoglio

Note per rimettermi in ordine le idee sull’ex cardinale Jorge Mario Bergoglio, da due giorni papa Francesco. Non credo fossero in molti a conoscere il suo nome prima dell’altroieri, io lo conoscevo. Anni fa, lavoravo per realizzare un documentario sulla dittatura argentina, in particolare sulle complicità e i rapporti che ha avuto con l’Italia, i governi e le autorità diplomatiche, le industrie italiane, la P2. Anche, pur se in misura minore, ci occupavamo della Chiesa cattolica. Il documentario poi non lo abbiamo mai finito.

Ma prima di arrivare a Bergoglio, breve excursus sulla dittatura, il Proceso de Reorganizacion Nacional. Vado a memoria. Il colpo di stato avviene il 24 marzo 1976, Rafael Videla, capo dell’esercito, Emilio Eduardo Massera, capo della Marina, tessera P2 numero 478, Orlando Agosti, capo dell’aeronautica, annunciano di aver destituito Isabelita Peron, vedova di Juan Domingo Peron, al governo dal 1974, dopo la morte del marito. Il loro insediamento non è spettacolare come quello di tre anni prima in Cile, dove l’11 settembre 1973, per rovesciare Salvador Allende, Augusto Pinochet manda gli aerei a bombardare il palazzo presidenziale. Continua a leggere

Annunci

Laspro n. 22, Medioriente. L’editoriale

In distribuzione il numero 22 di Laspro, in questo numero si parla di Medioriente: un reportage dall’Afghanistan di Patrizia Fiocchetti, “Do you remember Baghdad?” di Ettore Acocella, l’intervista alla blogger di Gaza, Shahd Abusalama, i racconti di Renato Berretta e Luigi Lorusso. Ilario L. Galati ci parla di Nusrat Fateh Ali Khan e Sabrina Ramacci del Barhein.

Per richiedere le copie per librerie, spazi sociali, etc, per organizzare iniziative e per collaborazioni, scrivere a redazione@laspro.it. Potete abbonarvi a Laspro via paypal, contribuendo solo alle spese di spedizione. 

Medioriente

crociata

illustrazione di Valeria Crociata

di Alessandro Bernardini

Il Medioriente non esiste. E non esiste il sole di Gerusalemme che taglia l’iride al tramonto. È solo un concetto che riempie la bocca di vermi. Non ci sono bandiere in cui avvolgere i corpi dei martiri, ma solo l’inchiostro che serve a stampare i manifesti che li glorificano.

E allora a che serve guardare le bocche spalancate senza ossigeno e i cadaveri pressati come sigarette sotto le macerie dei palazzi? A che serve il filo spinato attorcigliato all’infinito tra una torretta e l’altra?

Continua a leggere

Bomba libera tutti – Stereotipi e differenze di genere in una classe delle elementari

Bomba libera tutti – Stereotipi e differenze di genere in una classe delle elementari è un documentario girato in una quarta elementare di Pistoia da Pina Caporaso e Daniele Lazzara, una maestra e un videomaker. I bambini e le bambine della classe discutono delle differenze tra maschi e femmine, vissute a scuola e in famiglia o viste in tv e degli stereotipi di genere che vivono sulla propria pelle e interiorizzano. Ne parliamo con Pina Caporaso. Continua a leggere