[Dizionario autocritico della militanza] Tutte e tutti

Pubblichiamo, lettera dopo lettera, il Dizionario autocritico della militanza, uscito su Laspro numero 32 (aprile/maggio 2015). Qui l’introduzione. Se vi ci riconoscete, lo contestate, se volete proporre o scrivere altre voci del Dizionario, commentate o scrivete a lasprorivistaletteraria@gmail.com

tuttT – TUTTE E TUTTI

«È stata proprio una bella serata. Grazie a tutt@».
«Pasqua’, non s’è capita la vocale finale».
«Era ‘na chiocciola».
«Sì ma quando parli mica te poi magna’ ‘na vocale perché t’immagini ‘na chiocciola».
«Ho capito. Grazie a tutt*».
«E mò che cazzo era?»
«L’asterisco, va di moda».
«Aho ma che sei imbecille?»
«Grazie a tuttx».
«Nun se capisce!»
«Era ‘na icse, è più alternativo».
«Pasqua’, me stai a pija pe’ culo, ve’?»
«Ma secondo te che cazzo devo fa’, ‘na formula matematica? Grazie a tutt@+*(x-y)=@*x».
«Pasqua’, tu stai esaurito. Ma che cazzo te costa di’ grazie a tutte e tutti? Stai a parla’ davanti alla gente, cristo».
«Se vabbe’, così ogni frase diventa un teorema, un maschile de là, un femminile de qua, pe’ fa’ un ringraziamento famo mattina».
«Te nun stai bene Pasqua’, hai rotto er cazzo pe’ mesi co’ sta storia de tutte e tutti e mò te stai a incarta’ de brutto. Mica è difficile, eh!»
«Aho ma mó m’avete rotto proprio li cojoni, tutti…e tutte!»
«Bravo Pasqua’, ce sei riuscito!».