[Dizionario autocritico della militanza] L – Lotta

Pubblichiamo, lettera dopo lettera, ilDizionario autocritico della militanza, uscito su Laspro numero 32 (aprile/maggio 2015). Qui l’introduzione. Se vi ci riconoscete, lo contestate, se volete proporre o scrivere altre voci del Dizionario, commentate o scrivete a lasprorivistaletteraria@gmail.com

Illustrazione di Alex Lupei

Illustrazione di Alex Lupei

L – LOTTA
Bollette, spesa, macchina, cena fuori ogni tanto, bottiglia di vino, condominio, scarpe per l’inverno, vizi, stravizi e di nascosto dagli occhi indiscreti dei compagni e delle compagne (giudicanti) quel maledetto Gratta e vinci. Sì proprio lui, quello che «lo prendo, tanto non vincerò mai, ma se poi vinco?». E non vincerai mai e la rabbia sale. Come Don Chisciotte lotti contro il capitale, contro le forze oscurantiste del male che ti lasciano con gli occhi rossi d’odio e di fuoco. «Solo la lotta paga».

Lettera precedente: I – Indignati