Romanzo Culturale. Una storia di street art, monnezza e pesce fresco

Testo e foto di Sabrina Ramacci

«L’arte che ammiriamo è realizzata da una élite.
Un gruppetto che crea, promuove, compra, esibisce e decide il successo dell’arte.
Solo poche centinaia di persone nel mondo hanno diritto di parola.
Quando visitate una galleria d’arte siete semplici turisti nella sala dei trofei di qualche miliardario». Banksy

IMG_0667

Giovanna, Giovannina, Giova’… senti dobbiamo stare attenti con le parole. Chi è che mi scrive i testi? Giova’ Gio’ mi senti? E lo so che sono le quattro di mattina ma dovevo proprio chiamarti… Niente è che con ‘sta cosa della “riqualificazione” delle periferie m’hanno tanto criticato e te lo dico: non me lo meritavo. Che poi sulla Treccani manco si parla della riqualificazione delle periferie, l’ho letto, che te credi, parlano solo di riqualificazione delle aree archeologiche. Ma te pare? Mica potevo fa’ colora’ i Fori? Sai quelli della Sovraintendenza che delirio, me se magnavano e spolpavano, come n’abbacchio. Non so, non capisco. Dici che mo’ passa? C’ho sta rabbia dentro che deve sfoga’. Insomma, pensavo di fare una cosa carina, simpatica ecco. I disegnetti piacciono a tutti, no? Lo dice pure quer pischello de Rebibbia, quello che è diventato tanto famoso… oddio come se chiama? Zerotartaro, zerocarbone, zero qualcosa insomma, che ne so, non me ricordo mo’. È che ‘sti romani so’ proprio coatti, mica lo vedono il bello che li circonda.

SA2Un po’ de colore tra tutta quella monnezza ce stava bene, no? Dici di no? Che poi sta storia della monnezza è cominciata con quell’altro, quello di destra. Ha fatto un casino ha fatto… E pure là… dico che devono torna’ nelle fogne e giù che quasi me lanciano dal palco, qua come parlo sbaglio. Giovaaa! Stavo alla Festa dell’Unità, lo capisci? Sì sì, poi chiedo scusa, no, non a te, ai fasci, a quelle de destra. Ma che dici, ce stavano pure loro sotto al palco? Qua non se capisce più niente. Non je sta mai bene niente, un marziano a Roma dicono… ma io ce so cresciuto dentro sta fogna! Oddio ho detto fogna? No, insomma, la gente manco lo sa che so romano, vedi, se m’enfervoro parlo pure coatto. A Giova! Pure io so coatto dentro ar core.

Tu che dici Giova’ c’hanno ragione loro co’ sta storia della street art? Replichiamo? No, no. Stiamo zitti che è meglio. Che poi ce se scagliano di nuovo contro. Sta città non è colta, e non la possiamo accultura’ noi. Visto che fine ha fatto Flavietta, ha mollato l’assessorato, e che doveva fa porella, co’ tutta quella preparazione, tutti quegli studi, s’è impantanata pure lei dentro ‘sti ruderi culturali. Stanno tutti a mollà Giova’… qua finisce che resto solo come ‘n cane. Tu resisti però Giova’, non me mollà che da solo me’ vie’ l’ansia. E prima quelli del Teatro Valle e poi i cinema occupati e poi l’Estate Romana e i musei e poi quello e quell’altro e quell’altro ancora. Tutti a fa’ cultura in ‘sta città, tutti che lavorano nella cultura, aooo, svegliaaa, la cultura non paga. Ma come campano? Come fanno la spesa questi, Giova’? ‘Ndo li trovano i soldi pe’ magna’?

IMG_0772

Te voglio racconta’ na’ cosa intima Giova’… La sera, ar tramonto, quanno posso, me faccio un giro pe’ Roma. No co’ gli auti che l’ATAC è ‘n delirio, co’ la bici… mascherato! Nooo, Giova’! No, mascherato come Batman, come Serpico quando faceva l’infiltrato. Nooo, non vado a fa l’infiltrato, è solo pe’ non famme nota’ quando vado a godemme sta città ar tramonto, dal Centro alla Periferia. Quanto so belle le borgate, ve’? Che poesia… Pare de senti la voce de’ Pier Paolo un po’ come diffusa nell’aria, ‘n po’ come la musica nei centri commerciali, c’hai presente? Povero come un gatto del Colosseo, vivevo in una borgata tutta calce e polverone, lontano dalla città e dalla campagna, stretto ogni giorno in un autobus rantolante… Ah! Il centro del mondo, che poesia, che versi. A Pierpa’ ma che nun te sarebbero piaciuti pure a te du’ fiori in più su ‘sti balconi? Mo piano piano poi sgombero pure tutte le case occupate così ripulimo un po’ e poi che ne so, regalamo piante e fiori… che la gente è contenta co’ ste cose. E pure io so contento, perché poi l’estetica Giovannì, tu lo sai meglio di me, è importante. La bellezza, Giovannì, salverà ‘sto mondo infame! Credo. Spero. Non lo so. So tanto confuso.

Senti un po’, ma le hai viste che carine le panchine nuove dell’area pedonale ar Pigneto? So carucce ve’? Dici che riqualificano? Mi ricordano tanto quelle di un parco di Pittsburgh. Quanto me mancano gli States, là sì che vivevo bene. C’ho n’ideona! Facciamo un gemellaggio Pigneto-Pittsburgh, sai che è la città dove si vive meglio negli Stati Uniti? Dici che non poesse da stimolo p’er Pigneto? Te sembra ‘na stronzata? Un po’ pure a me Giova, ma allora io a ‘sti romani io che je devo da’? E pure sta storia dei numeri romani, li ho dovuti fa sostituì, non ce se capiva un cazzo, e daje che me ‘nsultano, ma che je frega. E daje che devo da’ ‘na botta ar cerchio e una alla botte. L’altro giorno so andato pure al Pride, lo sai che dopo Franceschino nessun sindaco c’era più stato? E io lì a sfila’ co’ le piume, in prima fila… che poi m’è venuta voglia d’anna’ ai Caraibi. Sai che te dico? St’estate me ne vado ai Caraibi… e fanculo pure a Ostia!                SA1

A Giova’ je volemo risponne a sta gente che dice che co’ la street art me sto solo a fa’ bello o no? Dici che ‘m po’ c’hanno ragione… E t’ho capito ma allora uno se fa na’ cosa bella non se po’ manco più lustra’? Io poi te lo confesso: mica l’ho capita tanto bene ‘sta street art. Fanno tanto quelli alternativi, contro il sistema, il messaggio è nelle strade e poi a me, me pare che nelle gallerie ce so finiti tutti. Hai visto quanto so’ quotati st’artisti? Pensa al poro Giulio Carlo, se starà a rivolta’ nella tomba. Come Giulio Carlo chi, Giovanni’? Argan, il critico d’arte. Pure lui è stato sindaco de’ sta città de mezzo, già, pure lui… che dici, j’avranno voluto male pure a lui? Che poi sta storia mica c’è costata poco. Eh no, perché ammettiamolo, a ridipinge’ tutte le periferie ce so’ voluti secchi e secchi de vernice, e poi le impalcature e gli artisti e quello e quell’altro e noi qua in Campidoglio che non c’avemo i soldi nemmeno pe’ risistema’ le buche! Sai che c’è Gio’? ‘Sta città non se merita niente. Mai ‘na gioia. Mai.

Gio? Giovannì? Te sei appisolata? E lo so che sei stanca ma se nun me sfogo con te, che sei sensibile, te pare che quell’artri ciartroni me stanno a sentì? Me vojono fa dimette’, pure loro. Giudi… tutti. Che te credi che ste dimissioni in blocco al Palaexpò non so manovrate? E che te credi che quelli se so dimessi perché j’avemo levati i sordi? Ma che je frega… te lo dico io perché m’hanno scritto quella letterina: è tutta ‘na manovra politica. Me vojono fa’ crolla’ la giunta. Me vojono butta’ dalla rupe tarpea! Se li magnassero li sorci, pure a loro. Ah! Ma mo’ li frego tutti. Candido Roma alle Olimpiadi, me stai vicino Giovannì, vero che me stai vicino? ‘Sta città c’ha bisogno de glamour, de visibilità. Visto che manovra pure alla Festa del Cinema? E basta co’ sti film cinesi, coreani, vietnamiti… mo vedrai quest’anno che folla e che divi, vedrai che se li magnamo tutti. Venezia, Cannes, Berlino… c’hanno provocato? E noi se li magnamo.

SA3

A proposito dei testi che me scrivete… ma a chi je venuto in mente de famme insulta’ i writers? Leggi ‘n po’ che dico qua… «Io non sono della cultura dell’intervento romanzesco violento, ma mi sto convincendo a organizzare per i writers delle vere e proprie trappole, in modo da poterli cogliere sul fatto, processarli per direttissima e metterne alcuni in sicurezza a Rebibbia. Perché spesso queste bande si organizzano e vengono nella nostra città pensando che qui ci sia l’impunità». E l’ho capito che l’ha scritto la stagista tua che è tanto brava e non pija na’ lira ma che è na’ cecchina dell’Is? E così me fate passa’ pe’n fascio però, e dai! Me fate di’ cose che poi la gente non me vole bene e io me rattristo. Mo sai che faccio, ai graffitari je regalo du’ bombolette e li mando a ridipinge i muri della Ex Fiera di Roma sulla Colombo. Tanto nun so che facce co’ quello spazio, boh!? Che ce famo? Sì sì, famoje fa’ du’ graffiti così intanto prendo tempo co’ ‘sta storia della Fiera. Mica voglio fa come Bloomberg… io so’ n’sindaco libertario, liberista, libertino… libero e bello ecco. Io all’arte de strada je voglio bene.

Come non te ricordi chi è Bloomberg? A Giovannè me pare che vivi fori dar monno certe volte. È l’ex sindaco de New York, quello che ha minacciato la galera a Banksy. Dice che i graffiti suoi rovinano la proprietà privata, che sono un segno della decadenza e della perdita di controllo… Certo lui mica è illuminato come me. Mica la capisce l’arte come la capisco io. A Giovà c’ho avuto ‘n’ideona. Invitiamo Banksy a Roma, je famo ripitta’ pure er Colosseo e ‘sti cazzi della Sovrintendenza. Je damo le chiavi della città. Se famo ‘na foto insieme, ‘na conferenza, je famo pure un festone ai Fori, chiudemo Roma al traffico pure sul GRA… Che ce frega, così la gente nun se lamenta più che ce sta traffico. Dici che non viene? E perché Giovannì? Lo pagamo. Famo’ du multe in più e tiramo fori ‘n budget pe’ st’artista. No? Ma che dici? Quale Robin Hood della street art? Oggi tutti vojono visibilità, soprattutto gli artisti, che te credi. Hai visto che ha fatto ‘sto Banksy? Un parco giochi tipo Disneyland e che te pare che non c’ha preso i finanziamenti… Poi sta cosa nessuno l’ha mai visto… Pensa che botto. A bombaaa! C’ho n’idea. Scrivije e invitalo a Roma, je pagamo er viaggio. Da Londra co’ EasyJet è n’attimo, so’ du’ lire, lui viene qui, pure co’ la fidanzata se vole, a madre, a zia, chi je pare. Lo portiamo a magna’ er pesce a Ostia, vedrai che lo convinciamo, vedrai che ce lo fa un lavoro de street art, magari pure pe’ pochi euro. Nessuno po’ dì no davanti a du’ spaghi co’ le vongole e ‘na boccia de vino bianco… le stelle, la luna, er mare. Daje Giovannì che sto ragazzo me piace assai. Questo è uno che d’arte ne capisce, ‘npo’ come me, no?

Vabbè Giovannì pensace tu che sei brava, ecco sì magari su sto progetto vedi de risparmia’ che davero qua ce stanno a magna’ li sorci. Mo però devo anna’, devo passa’ in questura, stamattina m’è arrivata ‘nartra lettera piena de minacce e dentro la busta c’era ‘n proiettile. E so due! È pe’ la storia dei camion bar in centro, dicono che non li devo fa’ toglie’ sennò m’ammazzeno. Scusa Giova’ mo’ t’è presa la chiacchiera ma devo proprio anna’ che dopo gli sbirri c’ho pure un funerale. Che te devo dì Giovannì… questi me vogliono fa dimette’, se vojono ripija’ Roma e io mi sa che non c’ho capito ‘n cazzo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...