Let’s Make a Movie [PornoGraffi#4]

Di Sabrina Ramacci idiots-1998-02-g

[Foto da: Idioti – Idioterne, 1998 – di Lars von Trier]

Quando ero ragazzina, da grande, avrei voluto fare il meccanico. Sì, proprio il meccanico. Perché secondo me far funzionare un motore equivale a dar vita a qualcosa, a generare un’energia che prima non c’era. Poi mi sono resa conto che ci volevano i muscoli e io non ne ho mai avuti tanti, anzi. Quindi sapevo tutto di come si cambia una ruota o si smonta una marmitta, ma questa cosa dei muscoletti da femmina mi fece desistere. Allora mi decisi per una cosa più consona al mio genere e m’iscrissi a Storia e critica del cinema. Il corso di laurea in cinema è uno spasso. Vai a lezione e vedi film. Esci di casa e vai al cinema per preparare l’esame. Nessuno ti può dire nulla. Non perdi tempo, stai studiando. E io studiavo tantissimo. C’erano giorni che riuscivo a vedere anche dieci film, in pratica era un lavoro H24. Talvolta riuscivo persino a dormire, la mia attività onirica non era mai stata così feconda. Sognavo sequenze di film. E quando ero sveglia inventavo storie che avrei voluto girare. Sì perché quella storia del costruire qualcosa, del generare energia, un po’ in testa mi era rimasta. Un film produce energia, di qualsiasi genere. Figuriamoci poi il cinema porno. Ecco sì, il porno è sempre stato tra i miei generi preferiti. Quando andavo all’università pensai bene di condividere l’appartamento con il mio amico James. Oltre ad essere due cinefili incalliti, noi avevamo un asso nella manica: James lavorava in una videoteca, specializzata in film XXX. Ogni sera una festa. Lui tornava a casa con un bottino di VHS, all’epoca c’erano ancora i nastri magnetici. Ci guardavamo insieme uno o due film e poi una manciata di VM18, quelli però, ognuno nella sua stanza, perché alla fine non avevamo proprio gli stessi gusti in fatto di luci rosse. Come tutte le donne che guardano pornazzi ho sempre pensato che siano prodotti per un pubblico maschile, certo negli anni le cose sono cambiate molto, soprattutto nell’ultimo decennio. Oggi abbiamo Stoya e Sasha Grey, noi ragazze abbiamo James Deen ed Erika Lust scrive e dirige film porno per un pubblico principalmente femminile, in cui la donna non è oggetto ma soggetto o al massimo è l’oggetto dell’uomo desiderato. Erika Lust è molto carina, ha due fossette che la rendono simpatica al primo sguardo, e poi gira film zozzi così curati e femminili che è praticamente glamour. In questi anni si sono fatte molte cose per virare la pornografia al femminile, non solo film, ma libri, incontri, workshop… la maggior parte purtroppo sommerse, e amen. Un po’ la invidio Erika, lo ammetto, sarebbe stato divertente da ragazzina pensare: «Da grande farà la regista di film porno». Mi è bastato restare una fan del genere al punto che, per fortuite coincidenze, mi è capitato di parlarne con Rocco Siffredi e Franco Trantalance, due miti dell’hardcore. Franco era in una fase particolare all’epoca, aveva smesso di recitare ed era passato dietro la macchina da presa. Mi disse: «Sai servono nuove idee nel porno, servono storie, serve una psicologia dei personaggi». Oggi credo abbia cambiato lavoro. In questi giorni esce Nymphomaniac il nuovo film di Lars Von Trier. Quando uscì Festen entrai in sala leggendo il manifesto di Dogma 95 come fosse il vangelo… il mio obiettivo supremo è di trarre fuori la verità dai miei personaggi e dalle mie ambientazioni. Io giuro di far ciò con tutti i mezzi possibili ed al costo di ogni buon gusto ed ogni considerazione estetica. Così io esprimo il mio VOTO DI CASTITÀ. E chi l’avrebbe detto che pure lui sarebbe finito a girare film porno-glam? Quasi sarebbe stato meglio farsi i muscoli invece di studiare, quasi quasi YouPorn è meglio del cinema d’autore.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...